Articoli

Scambio sul posto: cos'è e agevolazioni fiscali

Scambio sul posto: come funziona

Scambio sul posto: come funziona

Molto spesso con la produzione  del fotovoltaico non è possibile  auto consumare tutta l’energia che un impianto fotovoltaico produce durante il giorno. Per risolvere questo problema è stato creato il sistema denominato scambio sul posto ( SSP). Un ‘altra importante novità è la presenza delle agevolazioni fiscali 2018 che ti permettono di ridurre ulteriormente l’investimento

Con lo scambio sul posto l’energia ottenuta grazie ai pannelli solari viene in parte immessa nella rete elettrica attraverso un sistema chiamato “valorizzazione”. Questo consente di ottenere una forma di rimborso sulle bollette pari alla quantità di energia ceduta. In realtà non si tratta di una vera e propria vendita, quanto di una compensazione economica data dal rapporto tra energia prelevata dalla rete ed energia ceduta.

L’impianto fotovoltaico funziona sempre in modo tale che l’energia prodotta sia prima di tutto resa disponibile per il consumo immediato dell’utente stesso. Qualora in un determinato momento non vi sia una richiesta di energia da parte dell’utente o la richiesta sia comunque molto bassa, l’energia in più viene distribuita nella rete.

Cosa succede però quando si ha bisogno di energia in condizioni particolari, come in piena notte, e si è costretti a prelevarla dalla rete?

Esempio di calcolo scambio sul posto

Esempio di calcolo scambio sul posto

 

In quel caso l’utente acquista energia dal gestore e sarà pertanto obbligato a pagare il relativo consumo. Mediante il sistema di scambio sul posto questo consumo viene pertanto compensato dall’energia precedentemente immessa nella rete.

Per il calcolo dei consumi non si fa fede alla quantità di energia prelevata, quanto al suo valore di mercato che è determinato da specifiche condizioni: la fascia oraria e la zona di mercato. Qualora la quantità di energia immessa fosse superiore a quella prelevata, il proprietario dell’impianto fotovoltaico riceve dal gestore un Contributo in Conto Scambio, ovvero un contributo economico sotto forma di conguaglio annuale e acconti a scadenza quadrimestrale.

Scambio sul posto: incentivazioni e agevolazioni fiscali 2018

Anche nel 2018 chi installa un impianto fotovoltaico residenziale può ottenere le detrazioni fiscali del 50% sul totale delle spese sostenute.
Come lo scorso anno la detrazione viene ripartita in 10 rate annuali ed è confermata l’IVA agevolata al 10% per un tetto massimo di spesa di 96.000 €.

Il bonus risparmio energetico è un’agevolazione che consente di beneficiare di una detrazione fiscale dall’Irpef o dall’Ires sulle spese sostenute per aumentare il livello di efficienza energetica della casa o delle parti comuni del condominio.

Nello specifico, è possibile fruire del bonus risparmio energetico, chiamato anche Ecobonus o bonus riqualificazione energetica, solo quando si effettuano lavori che mirano a:

  1. a) riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
    b) miglioramento termico dell’edificio mediante una coibentazioni, sostituzione di pavimenti, finestre, infissi;
  2. c) istallazione di pannelli solari.
  3. d) sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Questo vantaggio riduce notevolmente i tempi di rientro dell’impianto.

 

 

Qual è l’investimento da sostenere per installare un impianto fotovoltaico?

Scopri il prezzo più basso proposto dai migliori installatori partner di soluzionifotovoltaico.it
E’ Gratis e senza impegno





Ho già il fotovoltaicoNon ho il fotovoltaico





Di seraMattinataPomeriggio


Per ulteriori informazioni visita il sito www.gse.it

 

 

 

Fotovoltaico prezzi - Preventivo gratuito

Il più grande impianto fotovoltaico al mondo ad Abu Dhabi

L’emirato punta sull’energia solare a basso costo

Abu Dhabi ha raggiunto un accordo con un consorzio asiatico, per costruire il più grande impianto fotovoltaico al mondo. Sarà ovviamente costruito nell’emirato a circa 100 chilometri a sud-est della capitale. Produrrà energia a basso, bassissimo costo, con la capacità di alimentare circa 200.000 case.

Il più grande impianto fotovoltaico al mondo

Il nuovo impianto, il più grande impianto fotovoltaico al mondo, farà capo all’Autorità per l’Acqua e l’Energia Elettrica di Abu Dhabi (Adwea), per il 60%, con una partecipazione della giapponese Marubeni e la cinese Jinko Solar per il 20% l’una. La cosa estremamente interessante in merito a questo progetto, e alle offerte che lo hanno reso possibile, è il prezzo per kilowattora a cui Marubeni e Jinko si sono aggiudicati l’appalto. A fronte di una potenza minima netta di 350 megawatt, insieme alle infrastrutture e alle strutture, richiesta, l’offerta è stata di 1.17 GW. Ma la grande novità è prezzo record di 2,42 centesimi di dollaro per kilowattora. L’impianto inizierà a produrre energia già da aprile 2019, dando un importante segnale al mercato.

L’eredità

Il costo dell’energia elettrica da fotovoltaico dipende da numerosi fattori. Il tipo di terreno, i prezzi dei pannelli e il costo del finanziamento incidono sul costo e sul prezzo finale. L’atteggiamento dei colossi asiatici, rispetto al prezzo dell’energia pulita derivante da fotovoltaico, è estremamente importante. Stabilisce un andamento di abbattimento dei prezzi da cui nessuno potrà esentarsi. E questo è importante non solo per il più grande impianto fotovoltaico al mondo. Ma per tutte le realtà che si affacciano al solare. La necessità di elettricità cresce insieme alla crescita economica e della popolazione e l’energia solare sta diventando la forma più economica fra le nuove energie.